Lunga vita a Twitter e alla democrazia