Informatici senza bussola

Giorgio Bocca parla del suo “Il viaggiatore spaesato”