Giuseppe Masia, il simpatico folle

“All’inizio pensavo che piacesse il linguaggio triviale ma sbagliavo la metafora funziona di più”